giovedì 24 gennaio 2008

Ieri sera Abele ha potuto parlare.
Si è potuta sentire la voce di Abele. Ieri sera Caino era all'angolo. Per troppo tempo solo e sempre la voce, la versione, le deliranti ragioni dell'irragionevole.


Ieri sera ho rivalutato Ballarò.


Solidarietà a tutte le vittime del terrorismo. Tu "ex terrorista" puoi anche pagare il tuo debito con lo Stato, con la Legge ma la Responsabilità resta. Indelebile.
Il peso, il dolore. Il male fatto a chi era uno di noi. Uno dei tanti.


La responsabilità rimane fino a quando ci sarà qualcuno da piangere, qualcuno da ricordare e, soprattuto, da celebrare a memoria futura.
Non voglio aggiungere che ex terroristi mai pentiti sono stati votati, scrivono, pontificano e hanno voce. Spesso. Sempre.

Ieri no.
Ieri ha parlato Abele. Ha sussurrato pacatamente, si è espresso.
Ieri sera gli innocenti non sono stati in silenzio perchè c'era chi ascoltava.
Ci siamo e siamo in tanti ad ascoltare. Oggi, ieri e domani.

5 commenti:

  1. impressionante la lucidità e la dignità delle vittime. se io fossi in una situazione del genere, di fronte ad uno stato del genere, non credo che riuscirei a comportarmi allo stesso modo. un grandissimo esempio di civilità e di coscienza civile.

    RispondiElimina
  2. io non capisco come si fa a riciclarsi con tanta disinvoltura, complimenti alle vittime per la calma dimostrata.
    io mi incazzerei a bestia (più di quanto non faccia ora)

    RispondiElimina
  3. Ieri sera ero ad una festa di compleanno. Staserà forse "ballarò"... :P
    (cosa significa quel verso che mi hai lasciato?!?)

    RispondiElimina
  4. Voleva essere una risata... ma dopo l'anestesia del dentista è uscita un po' strana ;)

    RispondiElimina