martedì 22 febbraio 2011


Riflessioni e disquisizioni femmine (non donne) et affini

Premetto che posso essere un po' acida... è un periodaccio.

Purtroppo lavoro in un open-space.
Purtroppo siamo in tanti, ci si deve tollerare anche se il termine più corretto sarebbe SOPPORTARE.



In tutto siamo in otto. Cinque maschi (nessun uomo) due femmine e una donna.




Le due femmine iniziano 2 settimane prima di avere le mestruazioni a dire: “lasciatemi in pace sono in preciclo” “lasciami perdere sono vicina al ciclo” “non disturbatemi stanno per arrivarmi” “non farmi innervosire mi stanno arrivando le mie robe” e via di questo tono il mantra viene ripetuto in media una ventina di volte al giorno per circa 15 giorni. Non si sa mai che uno si dimentichi o magari ci si faccia i caxxi propri.



Poi meraviglia mensile ARRIVANO. Allora è un susseguirsi di: “ho le mie robe non rompere” “ho il ciclo lasciami stare” “non sconcentrarmi ho le mie cose” “sono nervosa perché mi sono arrivate”. Questo mantra dura in media dai 5 ai 7/8 giorni. Dipende se sono in ritardo o se le hanno all’unisono.



In pratica in un mese si è indenni da questi discorsi per circa una settimana. Salvo se una delle due è nervosa o risponde male allora l’altra se ne esce con: “hooo hai le tue robe” “ohh devono venirti per caso”.
Alchè i maschietti in ufficio ogni tanto fanno la stessa battuta nel confronto delle due femmine.



La sottoscritta, da quando è diventata signorina, non ha mai fatto pubblicità su questo argomento che ritengo intimo e non voglio essere trattata in modo diverso per tale ragione. Anche perché il “modo diverso” è una miriade di battutacce e caxxate a cui si appigliano i così definiti maschi.
Perché ho scritto questo post? Stavo riflettendo sulle radical chic e non che hanno partecipato alla sfilata pro dignità delle DONNE.


Premetto che ho scritto questo post in un momento pseudo tranquillo. Non ho le mie cose e non devono venirmi.
Ora vado a pranzo. Buon appetito a tutti/e.

 

7 commenti:

  1. Io sfido chiunque a sapere quando ho il ciclo, perchè sono uguale e faccio tutto uguale. Mi manca solo di paracadutarmi come nella famosa pubblicità!

    RispondiElimina
  2. IDEM cara Romins :))))))

    RispondiElimina
  3. Ma siete due grandi!!!!!!!!!!!!!

    Bei blog entrambe. Passero' a leggervi spesso.........spero, prometto!

    SU.

    RispondiElimina
  4. Ci vorrebbe un pò di confidenza in più per assestargli due sganassoni quando fanno così
    (aboliamo le pubblicità)

    RispondiElimina
  5. C'era una barzelletta, che girava tanti anni fa, che diceva che Yahweh, quando si arrabbiò per la storia della mela, disse ad Adamo: tu pagherai con il duro lavoro e con il sudore della fronte (oggi, hai visto mai!) ed alla donna disse:
    tu pagherai con il sangue, ma in comode rate mensili

    Ecco...... sbandierare i propri debiti, è proprio da serve. Poi ci sono quelle che hanno risolto il debito, anche se hanno tecnicamente ancora il flusso, ma non pesa, non incide, e non impiccia perché appunto, se una Donna ha fatto pace con Dio il debito viene assolto. Insomma, Dio perdona chi ha mandato giù il boccone della mela ed ha assorbito il frutto della Conoscenza.

    Le "altre", sono rimaste "alla frutta"...... oltre alle mele, però, mi sa che il loro cestino è anche pieno di "pere"..... ;)

    Cambia ufficio :)

    RispondiElimina
  6. AHHAHA soprattutto "pere" cara Willa! Tu centri sempre il bersaglio!

    Scrivi dei commenti che dovrebbero essere dei post! Grazie :)

    RispondiElimina
  7. anche per questo faccio la tassista!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina