mercoledì 25 giugno 2008

Toccata e fuga al supermercato. Parcheggio semivuoto, poca gente. All'uscita noto 4 auto parcheggiate nei posti riservati ai disabili. nessuna delle 4 macchine era munita del relativo permesso per disabili.
Che schifo!
Sono stufa di dover convivere con miei "simili" senza rispetto per niente e nessuno.

14 commenti:

  1. Allora, o hai chiamato i carabinieri ed hai denunciato l'abuso, o hai pensato: meno male che c'è posto in altri spazi....

    Credo che sia inutile continuare a lamentarsi senza porre rimedio. Inutile doppio Clio, perché più andiamo avanti, e peggio è.

    Potevi anche chiamare il sorvegliante del supermercato, (alla Elunga c'è sempre che controlla), e chiedere di denunciare il fatto.
    E comunque, dipende da dove vai a fare la spesa cara. Alla mia Esselunga, i posti per i disabili sono sempre vuoti. La gente educata, le commesse sorridenti anche se stanche. Perché alla Esselunga ci va solo un certo tipo di gente. Infatti, è di destra (ahahahahah!!!)

    Un bacio, al 113 o 112 dal cellulare la telefonata è gratuita :) (ps anche un bell'articolino nelle "lettere al giornale" non ci stà male!!!!)

    RispondiElimina
  2. oh, a proposito, i simili si attirano, e non mi sembra che tu sia simile a loro, quindi perché li chiami simili? prova a dire a Holly che è "simile al cane perché hanno 4 zampe" !!!!! ahahahahah !!!!

    Su su su !!! Niente similanze, definiscili col loro nome!!!! (.... oh, scusa, non si può dire in pubblico, hai ragione!!!)

    RispondiElimina
  3. Uhm, ma non eri cosí orgogliosamente italiana qualche settimana fa?

    :-P

    RispondiElimina
  4. Al 113 e 112 ti rispondono che hanno cose più urgenti da fare.
    Quando chiamo i vigili, anche nelle vie fuori dal privato di un supermercato mi rispondono che non possono uscire.
    Al supermercato non sempre vieni ascoltata.
    In questo caso non ero all'Esselunga. C'erano un sacco di posti liberi.
    E' solo maleducazione... semplice e triste maleducazione e noncuranza.

    Io, se vedo la persona che ha parcheggiato in questi posti riservati, io ci litigo QUOTIDIANAMENTE.

    RispondiElimina
  5. Clio, hai ragione e so che lo fai. Ma non vale la pena guastarsi il sangue come fai tu con tanta rabbia.
    Non è rinuncia la mia, è il fatto che ormai ho accettato di non essere sincronizzata col mondo che mi circonda, e non posso lottare per niente e niente.
    Se le forze preposte non hanno la possibilità di mettere rimedio, e la tua educazione ti porta a tanto nervoso, fai così: dopo aver litigato e aver cercato di fare qualcosa, pensa: se non ci fossero loro, come faresti a distinguerti tu?

    Poi, eventualmente, parliamo di emigrare alle Canarie :) Sempre che li le cose vadano diversamente !!!!!! :)))))))))))))

    Un bacio! Sii comunque orgogliosa di avere l'animo da paladino, invece di confonderti con la massa ignorante :)

    RispondiElimina
  6. Si Willa, io capisco e, in parte, condivido anche il tuo punto di vista... ma CRIBBIO il debole deve sempre soccombere all'arroganza e all'ignoranza??? :(

    RispondiElimina
  7. Mi sà che tutte le raganelle del mondo mica bastano...

    RispondiElimina
  8. Il debole dovrebbe smettere di piangersi addosso e ribellarsi..... voglio dire, potrebbero davvero iniziare ad andare nelle scuole a fare "educazione civica", insegnare ai ragazzi, i futuri uomini donne ed automobilisti, le conseguenze degli incidenti (ormai la maggior parte dei disabili vengono proprio dagli incidenti!) e le conseguenze della cafoneria. Potrebbero coinvolgere le persone molto di più, nei comuni, nelle chiese, nelle manifestazioni....
    E' inutile gettare sassi contro il peccato, bisogna insegnare! Invece, gli sprechi a livello comunale e scolastico rispetto all'educazione sono immensi..... Qui da me, a livello scolastico e di "Cre", ci sono un sacco di iniziative davvero lodevoli.... e il problema del rispetto per i disabili non mi sembra così diffuso come sento da altre parti.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. MLRossiHawkins29 giugno 2008 15:44

    A New York, se chiami la polizia, arriva in cinque minuti e la multa la mette immediatamente. Tolleranza zero significa anche questo e io sono assolutamente d'accordo, la piccola infrazione disturba e rivina la vita dei cittadini. In Italia, ( e Roma poi..) io che sono sempre munita di carta, scrivo un bel foglio con la dicitura "Gran cafon".

    RispondiElimina
  10. per non parlare di quelli che si fanno i talloncini fasulli per girare nelle zone a traffico limitato anche per andare a fare shopping..

    RispondiElimina
  11. Li potremmo gambizzare, in modo da far ottenere loro il diritto a certi parcheggi, visto che ci tengono tanto.

    RispondiElimina
  12. A chi lo dici... io prendo il treno e in questi giorni mi sta venendo l'esaurimento. Sto diventando una vera misantropa... mi consolo a sentire che non sono l'unica!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Mi sembrava di aver già commentato qui... io penso sempre di rigargli la macchina...

    RispondiElimina