mercoledì 13 febbraio 2008


 


E così siamo arrivati alla spettacolarizzazione del pagamento delle tasse. Da non crederci. Valentino Rossi, sorridente per lo scampato pericolo, stringe calorosamente la mano a Massimo Romano, direttore generale nazionale dell'Agenzia delle Entrate, in una conferenza stampa con tanto di cartello alle spalle dei due. Da non crederci. Noi poveri e umiliati dipendenti a busta paga, non ci sogneremo mai una cosa del genere: foto, servizi in tv e articoli sui giornali solo perché facciamo il nostro dovere di cittadini onesti e paghiamo ogni  benedetto mese. Anzi, a volte siamo costretti a pagare anche qualcosa in più. E lo Stato, poi, quando è ora di restituirtele aspetti minimo cinque anni. Cosa ci insegna una cosa del genere? Poco, a dire il vero. Valentino sarà tutto quello che volete voi. Moralmente mi ha deluso. Ami il tuo paese? Allora da bravo cittadino rimani in Italia, paghi le tasse (tutte, senza mai cercare “scorciatoie” e con lui tutti quelli nelle sue stesse “condizioni”) e rispetti le leggi che regolano il normale andamento della vita pubblica del nostro Paese. Il mese prossimo aspetto che qualcuno, tv, radio o carta stampata, venga ad intervistarmi quando riceverò la mia busta paga. Io le tasse (profumate) allo Stato italiano le pago dal lontano gennaio del 1985, giorno in cui ho iniziato a lavorare. E nessuno mai mi ha detto bravo con tanto di flash e sorrisi di circostanza. Se poi in un solo botto Valentino Rossi si permette di sborsare una cifra che la maggior parte degli italiani la sogna giocando al Superenalotto, ecco che l’arroganza tocca picchi elevatissimi. Dimenticando che quella cifra per uno come Rossi è come togliere un pelo ad un mulo, come diceva mio nonno.  



Post di Rael (leggermente arrabbiato!)   


 

17 commenti:

  1. Ma come, non lo sai?

    Mo tu vai all'ufficio delle entrate, ti metti d'accordo per far finta che non le hai pagate per dieci anni e questi ti ridanno l'80% di quelle che hai pagato!

    Mi sta sul c.... sta cosa... si mettono d'accordo e da oltre 100 milioni ne paga 20. Belin, mi e pagu tutte ste tasse d'a mussa!

    Che le paghino tutte anche questi, o se proprio devono fare un accorto che gli scontino il 10%, ma così é uno schiaffo in faccia ai soliti notissimi dipendenti.

    Che schifo.

    RispondiElimina
  2. Grazie Mauro,
    credo che a questo punto la faccia dello Stato italiano, se mai ne ha avuta una, si è completamente perse nei meandri delle fogne che compongono il nostro sistema di riciclo di acque nere. L'ultima frase, in realtà non è così... qui a Verona il detto è un po' più scurrile, ma appena appena ;)

    Buona giornata,

    Rael

    RispondiElimina
  3. Stato Italiano?

    ...ne abbiamo uno??? nel senso di uno vero intendo, non me ne sono mai accorto.

    Epperò abbiamo una costituzione.
    Che viene aggirata e della quale a pochi frega qualcosa, ma però possiamo dire di averla!

    RispondiElimina
  4. Valentino lo hanno fatto santo. Lo festeggiamo oggi.

    RispondiElimina
  5. Bellissima Ilallallero. Arrigo

    RispondiElimina
  6. .....e facce sapè questo detto scurrile, Rael, dài. Quando ci vuole ci vuole. Arrigo

    RispondiElimina
  7. A Verona si dice: "L'è come cavarghe un pel dal cul del muso"...
    si capisce il concetto, vero? ;) E con questo mi sono giocato un bel rimprovero da Clio... che non rarderà ad arrivare!

    Tenkius a tutti

    Rael

    RispondiElimina
  8. Solo i tassi non pagano le tasse ... perchè la tasse, ai tassi, la danno gratis.

    RispondiElimina
  9. heheheh Piergiuseppe!!!

    Rael: rarderà?

    RispondiElimina
  10. Beati i tassi, ma la sapevo già...

    tenkius lo stesso

    Rael

    RispondiElimina
  11. la "r" è molto vicina alla "t" e dunque... "rarderà"

    Rael

    RispondiElimina
  12. Se non fosse tutto così dannatamente vergognoso verrebbe da ridere.

    E' un po come quando si concedono sconti di pena a chi preso in flagranza ammette la responsabilità e patteggia.
    Minchia ti ho preso con le mani nella marmellata, vui anche negare????

    RispondiElimina
  13. Proprio così Javert!!!

    RispondiElimina
  14. Sono d'accordo.
    A sentire lui quella cifra è stata un salasso (se anche fosse... mi risulta che doveva molto di più al fisco, e a me gli sconti non li hanno mai fatti).
    Invece è poca cosa per lui. E' incredibile quanto più una persona sia ricca, quanto meno accetti l'idea di pagare le tasse. Ma perché? Non dovrebbe essere il contrario?

    RispondiElimina
  15. …BUONA SETTMANA.... Alice**"I miracoli sono sull'uscio di casa...Basta saperli accogliere come fiori sbocciati in un deserto di sabbia.Sono fatti di amore, chiarezza e speranza. ”~ ~~Romano Battaglia ~

    RispondiElimina
  16. Me la sono persa questa cosa...

    RispondiElimina