lunedì 16 luglio 2007

Sarà che è un periodo difficile. Sarà che il periodo difficile dura da un po' troppo tempo. Sarà che di brutte notizie i tg sono pieni. Sarà che è troppo facile puntare il dito e fare l'elenco di quanto non è stato fatto per noi stessi, quindi io ho ragione e tu torto. Sarà che per me non è una semplice incomprensione che mi si getti merda addosso.


Sarà che la coerenza e la lealtà hanno un prezzo molto alto e sono stata educata a regolare tutti i conti in sospeso e non. Sarà che sono responsabile, sono la brava bambina a cui si può fare affidamento. Sarà che le responsabilità sono dei bei pesi e a scrollare le spalle e a fregarmene non sono capace.


Sarà che per fare carriera non ho rinunciato ad essere me stessa e a rispettare la mia dignità di persona e infatti... alla fine la carriera non l'ho fatta e le papille gustative sono tutte al loro posto.


Sarà che non voglio e non posso giustificarmi a vita perchè non sono come mi si vuole... non rispondo ai canoni correnti.


Sarà che l'intelligenza non è un optional e costa caro gestirla. 


Sarà che per me è importante ancora emozionarmi per la forma strana di una nuvola o dare una grattatina alla mia gatta che fa le fusa.


Sarà che 10 anni di matrimonio non sono una passeggiata e purtroppo si cambia. Inevitabilmente si cambia.


Sarà che ho tante cose che mi frullano per la testa e tante cose che vorrei fare e non riesco. Ma con il pensiero qualche cosa mi è riuscita di fare.


Sarà che non riesco nemmeno a scrivere quanto sia ormai un lusso avere qualcuno che ti ascolti, recepisca quello che tu gli stai dicendo e non ti chieda più di una volta qual'è il tuo vero nome senza dimenticarsene.


Sarà che alla fine io non sono niente e nessuno, ma lo sono fino in fondo perchè ho una coscienza e la uso, so cosa può far male e cerco di non farlo se non vengo attaccata prima. Sarà che la pazienza non è il mio forte e il sorriso non c'è più.


Sarà che mi lamento, lo faccio troppo spesso ultimamente, sono una privilegiata perchè ho tanto che altri non hanno e mi sento in colpa per questo.


Saranno tante cose ma la gente ottusa proprio non la sopporto più.


<!--



-->Sarà che questo post ha un anno, fatalità scritto in luglio 2006, fatalità stesso stato d’animo di questo periodo. Sarò mica come i gamberi?


33 commenti:

  1. Mentre ti leggevo (e mi leggevo perché ci riconosciamo) mi è venuta questa illuminazione: se siamo fatti con una scintilla di Dio, e Lui è in noi, sta a noi dire a Dio quello che non va.... pensa se ascoltasse solo le ragioni di Ascella & C. ..... voglio dire, cosa diventerebbe Dio? Invece, credo che il "nostro" lavoro sia quello del "mugugno", di dirgli continuamente "questo non va, questo non funziona, questo è uno schifo......"
    Poi, sempre scrivendoti, pensavo: pensa se Dio sta facendo un altro videogames, "Pianeta Terra 2 la rinascita"..... quando abbiamo esaurito il compito qui di "rompipalle", arriviamo a Dio e lui ci fa: "Oh, ingegnere dell'anima! Qual piacere! venghi venghi che ho del lavoretto per lei !!!!" e ci spedisce dall'altra parte, ad aggiustare quello che Lui non ha capito ancora....

    Facciamo così: fondiamo una sorta di partito (tanto basta essere in due) gli troviamo un buon nome, e ci uniamo per la vita e la morte, così quando passiamo di là non commettiamo l'errore di darGli retta !!!! Eh, Dio, sarai anche un BuonDio, ma qui si esagera.... Cambiamo videogames e lo chiamiamo: in ferie alle haway per qualche secolo, vieni tu con noi che facciamo riunione plenaria e ti spieghiamo il nostro piano (cosmico) davanti a un cocabacardi ghiacciato !!!.... ;))))))))))))))))

    Ecco, mettila così..... se tu rinunci a lottare, Dio ha solo la voce di Ascella da cui imparare.....

    (ti abbraccio, ma forte forte!!) Will

    RispondiElimina
  2. Già, La Bambola che dorme.... sarà che a me piacciono "i gialli" e i primi di Deaver erano bellissimi.... gli ultimi mi hanno fatto arrabbiare per i colpi di scena non previsti, a cui non potevi arrivare con l'intuito, e questo è spiazzante e secondo me rende tutto inutile.... e questo è .... boh, infantile. A parte che non succede proprio mai niente, si vede che lui si è perso nel nuovo personaggio e nel linguaggio non verbale, ma siccome non lo sa "scrivere" lo "descrive" e il libro non ha... poesia, e non ha scena.....
    Vedremo! Per ora Faletti è una sorpresa, ma che mi aspettavo! Ho voglia di gialli, anche se il tempo è poco e i personaggi forse tanti.... ;)

    BacioClio, Will

    RispondiElimina
  3. Will devi assolutamente leggere in quest'ordine:

    LA CHIMICA DELLA MORTE
    di Simon Beckett

    e
    SCRITTO NELLE OSSA

    dovrebbero essere entrambi di bompiani editore

    entrambi li ho divorati :)

    RispondiElimina
  4. :) segnati ;)

    E tu cerca "Quando cadrà la pioggia tornerò" di Takuji Ichikawa... è poesia pura..... ti lascia del "buono" in bocca :-) Non è così bello il suo precedente (che ho letto ma ho nebbia sul titolo :))

    Poi, mi stanno facendo la testa come un pallone su Vargas, ma io non sono convinta.... ;)
    bacio!

    RispondiElimina
  5. ummmmm di Deaver, è stupendo: Profondo Blu.
    Si fa fatica a trovare in giro, è in edizione economica, ma vale l'ansia di cercarlo! ;)

    RispondiElimina
  6. La vita è una ruota che gira, e le crisi sono cicliche. Vengono, vanno e poi tornano di nuovo. Tutti abbiamo una coscienza, ma il problema è l'intelligenza, che non è equamente distribuita e impedisce a molti di usarla, la coscienza. Non sei tu che sei fatta male!

    RispondiElimina
  7. Gli stati d'animo sono insiti. Non cambiano da un anno all'altro. Li puoi accantonare, mettere da parte, ma poi riaffiorano.

    RispondiElimina
  8. L'ottusità è veramente troppo diffusa, e questo è il problema del mondo.
    La maggior parte della gente, inoltre, non sa guardare al di là dei prossimi 30 secondi.

    RispondiElimina
  9. Ciao!
    :-)
    Son tornato!
    Uff, non è un bel panorama quello che descrivi. Mi viene da dire una sola cosa: si vive una volta sola e bisogna cercare di farlo nel modo migliore possibile. Se c'è qualcosa che davvero on va, non aspettare di ripetere anche l'anno prossimo il medesimo post. Agisci, agisci e agisci. Non te ne pentirai!

    RispondiElimina
  10. Griss, la sto pensando sempre di più come te... ma purtroppo le mie scelte sono molto influenzate dal partner. Forse se fossi da sola mi sarei gia' buttata da tempo.

    Come stai? :)

    RispondiElimina
  11. Nel leggere quanto hai scritto, anche io, come Will, rivedo parte di me stesso... la coerenza anche quando ci danneggia, nel seguirla e mantenerla ci rende retti e giusti... non santi, ma giusti si.

    Non sentirti in colpa nell'avere quel tanto che altri non hanno, soffermati a pensare che altre persone a loro volta hanno più di te, e che spesso, mia personalissima opinione, non meritano davvero avere... vedi questo e quale colpa ti rimane ? Tu ammetti di esser privilegiata sentendone un peso, altri tanti scrupoli non se ne fanno... soffermati su questo. ;)

    RispondiElimina
  12. Sarà il caldo?

    RispondiElimina
  13. Probabilmente, una delle molteplici cause! :)

    RispondiElimina
  14. Sarà che sei una donna intelligente. Rovescia il tuo malessere, come si fa con una frittata, così forse un pizzico di pensiero positivo vien fuori: se non fossi capace di elaborare questi ragionamenti, saresti una cretinetta frivola e superficiale, e non sarebbe bello; invece non lo sei e questo è bello. Certo, se si ha un cervello che lavora la vita non è semplice, e - almeno per quanto mi riguarda - la cosa più complessa è essere normale. Ma pazienza, bisogna tirare avanti con le unghie e con i denti, altrimenti , dice un mio amico toscano, "er mondo 'o voi lascià tutto a' bischeri?". Statti bene, Arrigo

    RispondiElimina
  15. Concordo Arrigo. Ultimamente sono lagnosa... mi urta dover passare male 7/8 ore quotidiane che poi impestano le restanti libere...
    ci vorrebbe così poco... ma io non ci provo più.

    Ma perchè tutti vogliono far andare storto il mondo!?

    RispondiElimina
  16. Ma perchè tutti vogliono far andare storto il mondo!?

    Perché poi sperano di trovare la soluzione, e far la parte dei salvatori! Ma prova a pensare quanto fa sentire "vivi" quello che fanno.... quanto si "rotolano" in quello che fanno, e quanto ne escono consacrati alla vita.... quanti problemi inesistenti per dire poi: fatto! ho risolto, meno male! E andare a raccontarlo in giro come se fosse straordinario !
    ...... bleath

    Te l'ho detto, è un videogames, alla fine stai ai margini e ti stufi della parte dell'eroe..... da qualche parte c'è un banco bar con il mio cocabacardi.... lo voglio ! ;)

    bacio, Will

    RispondiElimina
  17. (di quelli da "coma") ;)
    vado a bere un caffè, è meglio!

    RispondiElimina
  18. Sly è bellissima.
    E senza botox :))

    Ho avuto un flash, di quelli da come, di una conversazione:
    - Ma come sta X?
    - ah, è andata dal medico, a farsi sistemare le borse sotto gli occhi, le rughe alla bocca e la pelle del collo.....
    - .... e come stà?
    - ma.... le hanno iniettato della roba nella pelle.... l'hanno gonfiata un po' per evitare le rughe.... poi però, devono avere esagerato ed è esplosa.... ha fatto un "botox" che l'hanno sentita a un chilometro.....

    ... ok, torno a lavorare....

    RispondiElimina
  19. ha fatto un "botox" che l'hanno sentita a un chilometro.....

    haahahahahahah
    ahahahahahahahahahahaahahah
    grazie :D

    RispondiElimina
  20. Lavaggio del cervello al partner?
    ;-)
    Se fatto sottilmente funziona. Devi fare leva sulle cose che non funzionano in Italia. Quando lui si lamenta gli dici "Oooooh caro! Ti capisco. E' proprio una rottura di XYZ ma che ci vuoi fare? Sai, la mia amica AAA mi ha detto che a ZZZ invece queste cose non succedono..."


    :-P

    RispondiElimina
  21. Per me è il caldo che fa brutti scherzi! :-D

    RispondiElimina
  22. Ma io non parlavo del mondo Clio, parlavo di te e della "scuola di sopravvivenza". Il mondo è una M, lo so.....ma bisogna camparci, e campare significa ridere di un coglione, non ammalarsi perchè esiste. Oggi ho trascorso 3 ore della mia vita da un avvocato, una donna bravissima (ma che mi staccherà una parcella da spavento) a combattere, non so con quale esito pur avendo giuridicamente ragione, con un ex socio che si è rivelato ladro, bugiardo, prepotente e falso. Ho dovuto minacciarlo, come mai più mi è successo da quando ho lasciato la Sardegna dove purtroppo era pane quotidiano – perché era arrogante e maleducato con una donna, e questo mi manda fuori dalle balestre. Il mese scorso è morta una mia ex collega (evento che mi ha devastato) carinissima, dolce e forte come un toro allo stesso tempo e madre di un figlio sedicenne tirato su come un gioiello, mangiata viva da un carcinoma della mammella a soli 49 anni; non ha mai fumato e mai bevuto in vita sua. Ma devo vivere, devo andare avanti, ed una delle poche cose che me lo permette è la consapevolezza che non sono un genio ma non un cretino, che cazzo. Quando capiterà a me bon, sarà la mia ora; ma intanto vivo, e faccio ridere e divertire mia moglie e mia figlia. Non è una ricetta da premio nobel, ma cerco solo di campare………Ciao, Arrigo

    RispondiElimina
  23. Grazie delle tue parole Arrigo.
    Hai fatto centro, hai colpito. Ho compreso. Cerco anch'io ogni giorno di mettere in atto quello che mi spieghi... ma ci sono momenti di sconforto! Le priorità si perdono nel cercare di restare in equilibrio.

    Mi dispiace per quello che sta accadendo, ti faccio in bocca al lupo per la faccenda legale, tienimi al corrente se puoi, se ti va.

    Per quanto riguarda la tua ex collega. Non ho parole. Non ce ne sono davanti a questi accadimenti, se non, come ben spieghi tu di vivere fino all'ultimo ogni santissimo giorno alla faccia di chi coscienza non ha.

    RispondiElimina
  24. Tipo, se vai al mare e stai a mollo per un po', i sintomi migliorano?

    RispondiElimina
  25. Si, salvo diventare ossessioni al rientro!

    RispondiElimina
  26. Basta con le tristezze (te ne ho tirato una bella quintalata...). Famme sogna', che quest'anno le ferie le salto: dove sei stata in vacanza ? Arrigo

    RispondiElimina
  27. Mi dispiace che salti le ferie, è per colpa dei problemi legati di cui mi hai accennato?

    RispondiElimina
  28. Arrigo io e mio marito siamo stati ad Otranto. Esperienza positivissima.Ottimo agriturismo, gente favolosa, panorami e mare stupendo.
    Pero' sono diventata bruschetta-dipendente! :)
    Il salento è un altro mondo.

    RispondiElimina
  29. No, non dipende da "quel" problema. Dipende dalla mia testa di vitello, le mie 14 ore di lavoro non mi bastavano e mi sono impelagato in un'altra faccenda; il business è buono ed il socio è lo stesso con cui lavoro da tanti anni (non quello impazzito). Se schiatto posso chiederti il favore di mandare un bigliettino alla mia famiglia :) :) :) ? arrigo. p.s. il salento è un altro mondo, sicuro. Ma andare in vacanza al sud è una cosa, viverci......io da MI non mi muovo più.

    RispondiElimina
  30. Conta su di me :))
    Spero che qualche fine settimana lo dedicherai alla family... altrimenti tiratona d'orecchie !

    Concordo per quel che riguarda il sud, la mia è una esperienza solo di ferie, non ci ho mai vissuto. Ma l'esperienza è stata positiva, si sa che in ferie quasi tutto e bello!!!

    RispondiElimina
  31. ah, ecco, mi pareva di averlo già letto...

    RispondiElimina
  32. Oh sì che l'intelligenza è un optional!

    RispondiElimina